Le nuove uscite di Arkadia

da: L'Unione Sarda
L’Unione Sarda
18 febbraio 2015

Anticipazioni. Tantissime le nuove uscite. La primavera dei sardi è in libreria. Il ritorno, a marzo, di Paola Soriga e Mannuzzu. Attese Murgia, Caboni, Copez e Clarkson. Libro bilingue (italiano-inglese) di Nicola Lecca

Nel calendario liturgico inizia oggi la Quaresima, tempo di sofferenza, ma soprattutto di attesa. Diverse case editrice preparano proprio in questo tempo una stagione che si preannuncia particolarmente fertile per gli scrittori sardi. Tra la primavera e la fine dell’estate sono attese in libreria decine di titoli, in molti casi autori noti già apprezzati dal pubblico. Einaudi, per esempio, investirà contemporaneamente sulla solidità di un classico some Salvatore Mannuzzu e sulla freschezza di Paola Soriga, battezzata nel 2012 dalla stessa casa editrice. Einaudi ristamperà, a inizio marzo, “Procedura”, il giallo con cui il giudice-scrittore si è imposto all’attenzione della critica e che nel 1989 gli è valso il Premio Viareggio. Della scrittrice di Uta pubblicherà a fine marzo “La stagione che verrà”. Per la collana Stile Libero, il libro racconterà, sulle orme di tre personaggi, «la storia di un’intera generazione che credeva di essere senza storia». Bisognerà, invece, attendere la fine dell’estate per leggere l’atteso romanzo di Michela Murgia. Garzanti. A proposito di case editrici nazionali e di scrittori sardi entro l’autunno è prevista l’uscita con Garzanti di Cristina Caboni. Col suo “Il sentiero dei profumi”, pubblicato a maggio 2014, ha ottenuto un sorprendente successo di pubblico diventando uno dei titolo di punta della scorsa estate. Il romanzo ha finora venduto 80mila copie. L’autrice sarà di nuovo in libreria con una storia familiare raccontata da personaggi femminili forti come quelli che hanno caratterizzato l’opera d’esordio. Piemme. La casa editrice del gruppo Mondadori accompagna all’esordio una scrittrice di origine sarda. Si chiama Marisa Salabelle, è nata a Cagliari ma vive a Pistoia. Il suo primo romanzo “L’estate che ammazzarono Efisia Caddozzu” è un giallo e uscirà il primo luglio. La protagonista è una donna anticonformista e coraggiosa. Aipsa Edizioni. In occasione del ventesimo anniversario dalla morte di Sergio Atzeni, la casa editrice darà alle stampe gli atti di un convegno sullo scrittore. Il libro, intitolato “Sergio Atzeni. L’arte di inanellare parole” e curato da tre ricercatori della Facoltà di Lettere di Cagliari Silvye Cocco, Valeria Pala e Pierpaolo Argiolas, non è solo un omaggio al genio dell’artista. Tra le tante voci che concorrono ad analizzarne l’opera c’è anche quella di Giovanna Cerina. Il volume, terzo della collana Portales, è quindi anche un ricordo della studiosa scomparsa nel 2009. Sempre in primavera, nella colonna Altre Storie uscirà “Annalena le altre. Il Novecento con occhi di donna” di Paola De Gioannis. Spazio poi a due saggi. Il secondo volume del “Dizionario storico degli imprenditori in Sardegna” curato da Cecilia Dau Novelli e Sandro Ruju e ancora “Billy! La vita e la musica di Roberto Billy Sechi batterista jazz (1959-2005) a cura Claudio Loi. Infine un libro di poesia “Il cantore della luna rossa” di Franca Nurchis. Arkadia. Collezione primavera-estate ricca anche per Arkadia. Anticipata dalla pubblicazione ormai imminente del romanzo di Nilo Zanardi, “Il figlio del Mare”, precede per marzo-aprile l’arrivo in libreria di “Come vi piace…I salotti piccanti di Castello” di Michela Pisu, “L’eredità dei petali d’avorio” di Giulia Clarkson, “Avanti marsch. La Grande Guerra 100 anni dopo” di Rossana Copez e Giovanni Follesa, “I giardini di Leverkusen” di Ilario Carta e il saggio “Il genocidio armeno: 100 anni di silenzio. Lo straordinario racconto degli ultimi sopravvissuti” di Alessandro Aramu con Gian Micalessin e Anna Mazzone (con prefazione di Paolo Mieli e Paolo Kessisoglu e le foto di Romolo Eucalitto). A maggio-giugno invece usciranno “La Sardegna e i sardi nel tempo” di Omar Onnis, “In nome di mio padre” di Mario Nurchis e “Ti amo da (farti) morire”, di Associazione Donna Ceteris, Silvana Maniscalco, Antonella Pirastru e Bepi Vigna. Ad aprile uscirà anche la nuova collana di storia Historica paperbacks. L’esperimento di Lecca. Lo scrittore Nicola Lecca si è cimentato per la prima volta nel racconto di un piccolo paese della Sardegna. Protagonista di “Neoneli” è Dietrich. Figlio di emigranti neonelesi ritorna in paese dalla Germania su consiglio di uno psichiatra per imparare a scoprirsi, a volersi bene e a prendersi cura di sé. Lo aiuteranno un pastore e una capretta. Il romanzo, autoprodotto dal Comune del Barigadu in italiano e nella traduzione inglese di Jonathan Hunt, punta proprio in primavera a una distribuzione europea mirata al coinvolgimento delle biblioteche sarde e di quelle degli istituti italiani di cultura del mondo. Per la prossima uscita di Nicola Lecca con Mondadori bisognerà invece attendere il 2017. Lo spazio della storia sarà allora Marsiglia. Condaghes. Sul fronte della narrativa la casa editrice propone in lingua sarda (collana Àndalas, serie Sena Làcanas) Miguel de Cervantes, “Don Chisciote de sa Màntzia, I tomo” con traduzione dal castigliano di Gianni Muroni e Zakariyya Tamir: “Segamentu de ancas” con traduzione dall’arabo di Alessandro Colombu, prefazione di Bachisio Bandinu. In lingua italiana, invece (per la collana Narrativa tascabile) arrivano Roberto Bolognesi con “Tutto e niente” e Nanni Falconi “Il nascondiglio”. Tunuè. A giugno è prevista l’uscita dello scrittore di Marrubbiu Mauro Tetti con il suo esordio “Bestiario” per la casa editrice Tenuè, nella collana di narrativa diretta di Vanni Santoni.

(Manuela Arca)


Arkadia Editore

Arkadia Editore è una realtà nuova che si basa però su professionalità consolidate. Un modo come un altro di conservare attraverso il cambiamento i tratti distintivi di un amore e di una passione che ci contraddistingue da sempre.

P.iva: 03226920928




CONTATTACI

Novità

20 Febbraio 2019
20 Febbraio 2019


Newsletter




Scarica il nostro Catalogo